L'AGRITURISMO NON È UN HOTEL, UMBERTIDE ABBASSA LA TARIFFA 
Tariffa sui Rifiuti ridotta di circa il 50% per gli operatori agrituristici -Il Presidente Bartolini: "Vinta una battaglia, ora gli altri Comuni facciano lo stesso"

L'agriturismo non è un albergo, e non può vedersi attribuita la stessa TARI di un hotel. Finalmente si va nella direzione giusta. Il Comune di Umbertide ha abbassato la tariffa per il settore istituendo una specifica categoria circa la Tassa sui Rifiuti per gli agriturismi, a decorrere dall'anno in corso. Un passo in avanti che per CIA Umbria segna una prima, importante vittoria, dopo i tanti incontri territoriali svolti proprio ad Umbertide nei mesi scorsi, per segnalare la questione a tutti gli operatori agrituristici. Ma non possiamo fermarci qui: tutti gli altri Comuni devono adesso seguirne l'esempio. Pertanto, Cia Umbria ha inviato all'Associazione Nazionale Comuni Italiani dell'Umbria una lettera per sollecitare tutte le Amministrazioni comunali a recepire al più presto le sentenze del Tar dell'Umbria e del Consiglio di Stato.
LE 2 SENTENZE
La sentenza del Consiglio di Stato del 19 febbraio scorso conferma quanto già sancito dal Tar dell'Umbria nel 2018, a seguito di una controversia tra il Comune di Corciano e un'azienda agrituristica: "L'agriturismo è una branca dell'attività agricola, alla quale resta connessa, e non attività assimilabile a quella alberghiera, dalla quale la dividono finalità e regime". Il legislatore ha riconosciuto "una differenziazione economica e funzionale" rispetto alle attività alberghiere che deve essere tenuta in considerazione dai Comuni.
A QUANTO AMMONTA LA RIDUZIONE? IL CASO DI UMBERTIDE
Ai singoli Comuni compete la discrezionalità amministrativa tariffaria considerando, ad esempio, il numero dei pasti o di clienti ospitabili e la stagionalità dell'attività, ridotti rispetto ad un albergo. Nel caso del Comune di Umbertide, gli agriturismi erano prima inquadrati sotto la categoria degli alberghi, per la quale si applica un coefficiente di 7,5 euro al m² con ristorante e di 5,6 Euro al m² senza ristorante. Oggi, invece, il coefficiente della nuova categoria 'agriturismi' è di 4,02 euro al m². Ipotizziamo un agriturismo con ristorante di 200 m² di superficie. Prima, pagava una Tari di € 1.500 l'anno, oggi invece ne sborsa 'solamente' 804, circa il 50% in meno. Una somma 'risparmiata' da investire magari in nuovi servizi per i potenziali clienti.
LA LETTERA CIA UMBRIA ALL'ANCI
"Da subito - sottolinea il presidente Cia Umbria Matteo Bartolini - ci siamo fatti portavoce di questo aggravio e, per dare seguito alla vittoria nel Comune di Umbertide, è partita una lettera all'Anci regionale per chiedere che anche gli altri Comuni ne seguano l'indirizzo. Dopo la corretta decisione di Umbertide, a cui va il nostro plauso, sollecitiamo l'invito a tutti i Comuni affinché adottino una misura intermedia tra l'aliquota prevista per l'utenza domestica e l'utenza commerciale, nonché l'immediata sospensione dell'attuale tariffa".
IL CICLO VIRTUOSO DEI RIFIUTI NELL'AGRITURISMO:
ECCO PERCHÉ NON È UN ALBERGO

Mentre l'attività alberghiera è un'attività imprenditoriale commerciale svolta a scopo di lucro, quella agrituristica è funzionale alla valorizzazione delle risorse del territorio, alla difesa del suolo e dell'ambiente, oltre che del patrimonio edilizio rurale. Inoltre, è anche grazie all'agriturismo che s'incentivano le produzioni tipiche e le tradizioni enogastronomiche umbre. Non solo, "bisogna tenere conto delle grandi differenze nella produzione dei rifiuti che c'è tra l'operatore agrituristico e il gestore di un normale albergo con ristorante - aggiunge Bartolini -. Ad esempio, gli scarti alimentari, l'umido, viene usato negli agriturismi per l'alimentazione degli animali o per realizzare il compost utile all'attività agricola, generando un ciclo virtuoso dei rifiuti". Differenze che i Comuni non possono più ignorare, pertanto Cia Umbria invita tutti gli operatori agrituristici umbri ad aderire all'iniziativa, per maggiori informazioni contattare il numero telefonico 075.7971056.

 

Perugia, 10 luglio 2019

CHI SIAMO

STORIA DELLA CIA

  • Dalla CIC alla CIA
    Dalla CIC alla CIA Il 22 dicembre 1977 nasce la Confederazione Italiana Coltivatori, dall’unione di 3 organizzazioni agricole: Alleanza Nazionale dei Contadini, Federmezzadri-CGIL e Unione Coltivatori Italiani. Questo processo di unione si è concretizzato…
Questo sito fa uso di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione e per fornire funzionalità aggiuntive. Si tratta di dati del tutto anonimi, utili a scopo tecnico o statistico, e nessuno di questi dati verrà utilizzato per identificarti o per contattarti. Questo sito potrebbe fare uso di cookies di terze parti. Maggiori dettagli sono presenti sulla privacy policy. Questo sito potrebbe fare uso di cookies di profilazione. Maggiori dettagli sono presenti sulla privacy policy. Cliccando il bottone Ho capito, confermi il tuo consenso a questo sito di salvare alcuni piccoli blocchi di dati sul tuo computer. Per saperne di più su cookies e localStorage, visita il sito Garante per la protezione dei dati personali
Maggiori informazioni Ho capito