Premio Bandiere Verde 2018

Pubblicato in: NEWS

DALL'E - COMMERCE POST SISMA ALL'AGRITURISMO FAMILIARE IN UMBRIA VINCE IL CORAGGIO DI RICOMINCIARE

A Roma, nella Protomoteca del Campidoglio, tra gli applausi e l'entusiasmo dei partecipanti, si è tenuta la cerimonia di premiazione del prestigioso premio Nazionale Bandiera Verde Agricoltura 2018, promosso dalla Confederazione Italiana Agricoltori (CIA). Il premio giunto alla XVI edizione, è un riconoscimento che viene dato per omaggiare le aziende agricole,le comunità montane, i parchi, e le regioni province e comuni, che si sono distinti nelle politiche di tutela, salvaguardia, promozione e valorizzazione dell'ambiente e dell'agricoltura, ma anche nelle attività finalizzate a migliorare le condizioni di vita ed economiche degli operatori agricoli promuovendo le tipicità enogastronomiche locali. Tra i premiati anche tre dei comuni Italiani rurali tra i più virtuosi e due premi speciali di cui uno assegnato all'attore Neri Marcorè per il suo impegno a favore dei paesi del Centro-Italia colpiti dal sisma e l'altro assegnato al film "Lazzaro felice", per la sezione Agri-cinema. Il film di Alice Rohrwacher, giovane regista la cui azienda agricola familiare è associata alla Cia dell'Umbria, ha vinto quest'anno al Festival di Cannes il premio per la sceneggiatura. Dall'Umbria, i vincitori del Premio Bandiera Verde per questa edizione hanno dimostrato come il coraggio, la perseveranza e l'entusiasmo "del fare insieme" siano elementi essenziali per procedere in un percorso che si rivolge solo al futuro, dove la formula perfetta sta nel giusto bilanciamento tra l'innovazione e tradizione. Ed è proprio questo che hanno fatto Lorenzo e Ilaria i titolari dell'Azienda Agricola biologica "Bosco Torto" che a San Pellegrino di Norcia produce zafferano.
Quando nel 2016 il forte terremoto danneggiò gravemente la loro azienda, la loro casa, il magazzino e il laboratorio per la lavorazione dei prodotti agricoli rendendoli inutilizzabili, si sono armati di coraggio e con il sostegno della Cia dell'Umbria hanno aderito al progetto promosso dalla "Fondazione JP Morgan" per avere un'altra possibilità. Oggi Lorenzo e Ilaria stanno ripartendo, grazie alla alla vendita on line dei loro prodotti certificati biologici in tutto il mondo. Anche l'Agriturismo Le Foglie di Francesco Rosi ha ricevuto il Premio e si è distinto per la caratterizzazione familiare della sua azienda biologica che di certo dà un apporto speciale a quello che lui definisce " una piccola oasi nel verde dell'Appennino umbro-marchigiano". Anche in questo caso ha vinto l'impegno, la professionalità e la tradizione ma anche la diversificazione della qualità ossia l'idea che l'agricoltura sia sempre più un settore multitasking, dove è possibile trovare campi di coltivazione improntati sulla logica della sostenibilità e al tempo stesso legati alla tradizione con uno sguardo al sociale e alle attività didattico-ricreative ed enoturistiche. Premio Bandiera Verde anche per l'Azienda La Badia di Antonella Mancini, che insieme alla figlia Manuela, è la "cantastorie" di questo meraviglioso mondo. Loro sono l'anima dell'azienda e la guida sempre presente per tutti gli ospiti che amano la campagna e gli animali e sono incuriositi di conoscere tutti i segreti che la natura nasconde. Azienda a gestione familiare che si contraddistingue per le diverse attività organizzate all'interno di essa. Tra tutti i laboratori di fattoria didattica la Badia si caratterizza per l'arte "del fare condiviso" e della "vacanza del fare". Quel "fare" che coinvolge i bambini nei percorsi didattici e i loro genitori chiamati a mettersi in gioco. Creare una bambola di stoffa attraverso il riciclo creativo usando materiali già in possesso o riscoprire l'antica coltivazione del baco da seta sembra essere il segreto del successo di questa azienda.

CHI SIAMO

STORIA DELLA CIA

  • Dalla CIC alla CIA
    Dalla CIC alla CIA Il 22 dicembre 1977 nasce la Confederazione Italiana Coltivatori, dall’unione di 3 organizzazioni agricole: Alleanza Nazionale dei Contadini, Federmezzadri-CGIL e Unione Coltivatori Italiani. Questo processo di unione si è concretizzato…
Questo sito fa uso di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione e per fornire funzionalità aggiuntive. Si tratta di dati del tutto anonimi, utili a scopo tecnico o statistico, e nessuno di questi dati verrà utilizzato per identificarti o per contattarti. Questo sito potrebbe fare uso di cookies di terze parti. Maggiori dettagli sono presenti sulla privacy policy. Questo sito potrebbe fare uso di cookies di profilazione. Maggiori dettagli sono presenti sulla privacy policy. Cliccando il bottone Ho capito, confermi il tuo consenso a questo sito di salvare alcuni piccoli blocchi di dati sul tuo computer. Per saperne di più su cookies e localStorage, visita il sito Garante per la protezione dei dati personali
Maggiori informazioni Ho capito