Dopo giorni di siccità, arriva la grandine. Le aziende agricole affrontano una crisi dopo l'altra: subito un progetto di vera sostenibilità economica o si rischia lo stop alla produzione

Perugia – Giorni di afa e siccità, con temperature oltre la media stagionale, interrotti da una brusca grandinata, con chicchi grossi come biglie di vetro, e pioggia torrenziale di pochi minuti. Quanto è bastato, questo pomeriggio, a danneggiare i campi coltivati di alcune aziende agricole che adesso dovranno rimboccarsi le maniche e fronteggiare, conti alla mano, i capricci di un clima che ha ormai abbandonato la mitezza del Mediterraneo per diventare sempre più tropicale.

Le zone colpite dalla violenta grandinata

Filmati amatoriali, fotografie e post allarmanti sui social network sono arrivati da alcune aziende agricole vitivinicole e ortofrutticole, che si trovano nei comuni della Val Nestore, in particolare Piegaro, Panicale (Pietrafitta e Tavernelle in modo più significativo), Deruta e Marsciano, così come nella zona tabacchicola dell'Alta Valle del Tevere. In queste condizioni, essenziali risultano le polizze assicurative contro le calamità naturali, grandine in particolare che, come Cia Umbria, auspichiamo troveranno sempre garanzia di un supporto nelle Politiche comunitarie.

Una crisi dietro l'altra per l'agricoltura

"L'agricoltura oggi è attaccata da mille problematiche. - ha commentato Matteo Bartolini, presidente Cia Umbria - Unitamente al Coronavirus, infatti, ci sono anche i cambiamenti climatici da affrontare, che non dobbiamo dimenticare o sottovalutare. Come produttori agricoli stiamo attraversando una crisi dietro l'altra, che rischia di far alzare bandiera bianca a molte piccole aziende umbre. Non bastano le risorse stanziate dal Governo per far fronte all'emergenza Covid, se poi dimentichiamo un piano adeguato di sostegno per tutelare i produttori dai danni della fauna selvatica e da un clima bizzarro che le aziende agricole devono essere messe nelle condizioni di poter gestire, con l'aiuto di moderne strumentazioni e il giusto supporto economico per investimenti in tecnologie avanzate. Se a questo si aggiunge il danno economico di una filiera agroalimentare che non riconosce all'agricoltore il giusto prezzo, è chiara l'urgenza di un progetto di sostenibilità economica per le nostre aziende che permetta loro di essere resilienti ai cambiamenti climatici, all'iniquità dei mercati, alle pandemie e ad altro ancora".

Per approfondimenti e interviste:

Emanuela De Pinto

Ufficio Stampa Cia Umbria

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Tel. 340.9200423

CHI SIAMO

STORIA DELLA CIA

  • Dalla CIC alla CIA
    Dalla CIC alla CIA Il 22 dicembre 1977 nasce la Confederazione Italiana Coltivatori, dall’unione di 3 organizzazioni agricole: Alleanza Nazionale dei Contadini, Federmezzadri-CGIL e Unione Coltivatori Italiani. Questo processo di unione si è concretizzato…
Questo sito fa uso di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione e per fornire funzionalità aggiuntive. Si tratta di dati del tutto anonimi, utili a scopo tecnico o statistico, e nessuno di questi dati verrà utilizzato per identificarti o per contattarti. Questo sito potrebbe fare uso di cookies di terze parti. Maggiori dettagli sono presenti sulla privacy policy. Questo sito potrebbe fare uso di cookies di profilazione. Maggiori dettagli sono presenti sulla privacy policy. Cliccando il bottone Ho capito, confermi il tuo consenso a questo sito di salvare alcuni piccoli blocchi di dati sul tuo computer. Per saperne di più su cookies e localStorage, visita il sito Garante per la protezione dei dati personali
Maggiori informazioni Ho capito