Il quadro di Cia Umbria su varietà, rese, qualità e incremento produttivo nelle 5 sottozone della DOP Umbria

Perugia – Olio, è l'annata migliore dal 2014 a oggi. Per la campagna olearia 2020-2021 appena iniziata in molte zone del territorio regionale, l'Umbria segna un incremento rispetto allo scorso fino al 50% grazie ad un andamento stagionale particolarmente favorevole sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, con un'estate non siccitosa e scarsissimi attacchi della mosca olearia. Le rese sono ancora basse, in quanto in questo preciso momento le olive sono ancora cariche di acqua, mentre le varietà Leccino e Moraiolo non hanno ancora completato l'invaiatura (cambio colore della drupa) e pertanto la raccolta è ancora precoce. E' quanto conferma la Cia-Agricoltori Italiani dell'Umbria dopo un giro di verifiche e consulenze con i frantoiani associati, riuscendo in questo modo ad avere un quadro chiaro e sintetico di come procede la raccolta in tutte le 5 sottozone umbre in cui la nostra Dop è suddivisa.


Colli del Trasimeno


Perugino


Qui le varietà più produttive sono state il Frantoio e il Leccino, con rese (al 16 ottobre, ndr) che sfiorano l'8% e un incremento produttivo del 50% che riporta il sorriso e il buonumore ai frantoiani, rispetto all'anno difficile del 2019. La qualità si preannuncia elevata.
Trasimeno
Nei dintorni del lago umbro, si registra una produttività ottima di tutte le varietà di olivo, in modo particolare la Dolce Agogia, con rese intorno al 9-10% e un incremento produttivo che oscilla dal 40 al 50% rispetto all'anno precedente, e una qualità dell'olio nuovo ottima.


Colli Assisi-Spoleto


Nella fascia olivata Assisi-Spoleto, patrimonio Unesco, la fanno da padroni il Leccino e il Moraiolo, mentre si registra una produttività leggermente ridotta per la varietà Frantoio che risente ancora dei danni da freddo del 2018 (le piante sono in fase di ricostituzione). Le rese si attestano al momento intorno all'8,5-9%, con un +35% di produttività rispetto al 2019 e una qualità dell'olio che sarà, come annunciato dai produttori di zona, la migliore negli ultimi 6 anni, dal 2014.


Colli Martani


In questa sottozona le varietà che hanno mostrato una produttività maggiore sono il Moraiolo e il Leccino, con rese dell'8% e un aumento sulla produzione che va dal 40 al 50%, con una qualità elevata.


Colli Orvietani


Spicca in questa zona la maggiore produttività della varietà di olive Leccino, ma le rese sono ancora basse (7%) e una produzione raddoppiata rispetto al 2019 (+50%). Anche in questo contesto, la qualità dell'olio nuovo sarà elevata.


Colli Amerini


Nella bassa Umbria (Ternano) tutte le varietà sono arrivate a maturazione in situazione ottimali, con olive sane: Leccino, Frantoio, ma anche Rajo. Ha sofferto un po' il Moraiolo, per via di una fioritura leggermente anticipata in una settimana di clima non proprio perfetto. La produzione è più che buona, con +30% rispetto agli ultimi 3 anni, molto difficili. Qualità, anche qui, ottima.
"Finalmente quest'anno – dichiara Leonardo Comaschi, produttore e resp. Settore olivicolo Cia Umbria – potremo tornare ad offrire un olio di altissima qualità ai consumatori che sono sempre più attenti e consapevoli verso le produzioni certificate e anche biologiche. Se la ripresa della produzione ci fa ben sperare, le ultime notizie sull'impennata di nuovi contagi da Covid ci preoccupa molto. Sappiamo per esperienza, infatti, che in situazioni economicamente instabili e difficili come quella che attraversiamo tutti adesso, con questa epidemia ancora in corso, i conti del bilancio familiare orientano le scelte alimentari e spendere il giusto prezzo per un olio buono, sano e locale al 100% non è scontato. Come produttori facciamo un appello al consumo consapevole, per ridare stimolo all'economia del territorio, un'economia veramente circolare e sostenibile, che permetta lo sviluppo e la crescita di tutti".


Qual è il giusto prezzo?


La Cia Umbria dà un'indicazione di prezzo per acquistare un buon olio umbro, salubre e garantito: per una bottiglia da 1 litro, il prezzo non dovrebbe scendere al di sotto di 10-11 euro. Solo così verrà rinnovato quel patto di onestà tra il produttore e il consumatore, e si darà il giusto valore a un prodotto unico che è simbolo del Made in Italy agroalimentare nel mondo. Non ci resta che augurare buona bruschetta!

 

Per interviste e approfondimenti:
Emanuela De Pinto
Ufficio Stampa Cia Umbria
Tel. 340.9200423
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Le guerre alimentari globali al tempo del virus". Appuntamento a lunedì, 12 ottobre alle 18, nella sede regionale a Perugia (Via Mario Angeloni, 1).

Introdotti dal presidente di Cia Umbria, Matteo Bartolini, dialogheranno con l'autore: Giulio Menato, capo Unità aggiunto Commissione Europea DG AGRI-Internazionale-Americhe; Raimondo Serra, capo Unità aggiunto Commissione Europea DG AGRI Internazionale-Asia e Austrialia, Fabio Artuso, senior Trade Specialist World Bank; Filippo Gallinella, presidente Commissione Agricoltura Camera dei Deputati; Roberto Morroni, vicepresidente Regione Umbria Assessore alle Politiche Agricole e Agroalimentari e Dino Scanavino, presidente Nazionale Cia-Agricoltori Italiani.

 

Libro Martina1

Bartolini: "Cambiano le esigenze dei produttori, cambia anche la comunicazione: è il primo podcast nazionale fatto da un'organizzazione professionale agricola che sfrutta la grande potenzialità di questa tecnologia

Perugia – Nasce l'Agripodcast Cia Umbria, il primo podcast prodotto da un'organizzazione professionale agricola, a livello nazionale, che parla di agricoltura. Da questa mattina è on line su Spreaker, e il primo episodio è già presente su Spotify, su Google Podcast e sulle altre principali piattaforme di distribuzione, oltre alla pubblicazione dei singoli episodi sulla pagina Facebook Cia Umbria e all'invio attraverso Whatsapp. Notizie, interviste e approfondimenti dal mondo agricolo, con lo scopo di informare in modo diretto e immediato i circa 6000 associati Cia-Agricoltori Italiani sul territorio regionale, e non solo.
"La comunicazione cambia e si evolve - racconta il presidente Cia Umbria Matteo Bartolini -, così come cambia il profilo dei nostri interlocutori principali: i produttori sono sempre più giovani, aggiornati, con una buona conoscenza delle tecnologie digitali e desiderosi di essere informati. Ma spesso gli agricoltori non hanno molto tempo per la ricerca di contenuti digitali, perché il lavoro sul campo è totale e non conosce pause. Era chiara la necessità di trovare un mezzo di informazione che potesse venire incontro all'esigenza di essere informati in modo semplice ma puntuale, ottimizzando il tempo a disposizione. Partendo da questa considerazione, abbiamo voluto realizzare il primo podcast che parla di agricoltura in Italia, fatto da un'organizzazione professionale agricola, che sfrutta l'enorme potenzialità di questa tecnologia che permette l'ascolto di file audio ovunque, dal proprio telefonino, magari mentre si guida un trattore o si semina un campo, rimanendo aggiornati sulle notizie del mondo agricolo, sia a livello regionale, ma anche con uno sguardo alle tematiche nazionali, europee e mondiali".
Con il primo Agripodcast realizzato direttamente da un'organizzazione professionale agricola, Cia Umbria dimostra di essere al passo coi tempi dando un esempio di innovazione anche dal punto di vista della comunicazione, interna ed esterna. Questo autunno, infatti, il direttivo Cia Umbria è impegnato in una nuova strategia comunicativa dando il via, da un lato, a una serie di incontri territoriali a tu per tu con i produttori agricoli, con tappe in tutta l'Umbria; dall'altro con questo nuovo strumento, l'Agripodcast Cia Umbria, che si affianca alla newsletter regionale Cia Informa Notizie che già viene inviata ogni mese ai soci via mail, un vero e proprio magazine che parla di agricoltura.
Gli episodi, che avranno una durata media di circa 20 minuti, contengono oltre alle più importanti notizie del settore primario che riguardano l'Umbria, anche aggiornamenti su bandi aperti, PSR e contributi che è possibile richiedere come azienda agricola, con il supporto degli uffici Cia Umbria. Infine, in ogni episodio si potrà ascoltare l'editoriale del presidente Cia Umbria Matteo Bartolini, sottoforma di intervista.
Il primo episodio Cia Umbria Agripodcast, su Spreaker, cliccando questo link: Ascolta "Agripodcast Cia Umbria Settembre 20" su Spreaker.

Per informazioni e interviste:
Emanuela De Pinto
Ufficio Stampa Cia Umbria
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel. 340.9200423

Pagina 1 di 95
Questo sito fa uso di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione e per fornire funzionalità aggiuntive. Si tratta di dati del tutto anonimi, utili a scopo tecnico o statistico, e nessuno di questi dati verrà utilizzato per identificarti o per contattarti. Questo sito potrebbe fare uso di cookies di terze parti. Maggiori dettagli sono presenti sulla privacy policy. Questo sito potrebbe fare uso di cookies di profilazione. Maggiori dettagli sono presenti sulla privacy policy. Cliccando il bottone Ho capito, confermi il tuo consenso a questo sito di salvare alcuni piccoli blocchi di dati sul tuo computer. Per saperne di più su cookies e localStorage, visita il sito Garante per la protezione dei dati personali
Maggiori informazioni Ho capito