CIA UMBRIA PRESENTA I PRIMI DATI DEL PROGETTO PATROCINATO ASVIS "L'UMBRIA CHE VOGLIAMO"

Sabato 16, alle ore 10 - "Fa' la cosa giusta" a Bastia Umbra

Bastia Umbria (Pg) – Adottare un nuovo modello di sviluppo sostenibile, basato sui 5 obiettivi dettati dalla Commissione Europea, che seguono l'Agenda 2030 Onu, circa le priorità d'investimento dei Fondi Strutturali 2021-2027: un'Umbria più intelligente, più verde, più connessa, più sociale e più vicina ai cittadini. È lo scopo del progetto, o meglio del think tank, che Cia Umbria ha lanciato a gennaio scorso e che oggi, giunto alla seconda fase, dopo aver ottenuto il Patrocinio Asvis – Alleanza nazionale per lo Sviluppo Sostenibile - sarà presentato in occasione della Fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili "Fa' la cosa giunta" nel polo fieristico di Bastia Umbra, sabato 16 novembre alle ore 10, nella sala Vittorio Arrigoni, Padiglione 8.

Lo scorso luglio, Cia Umbria con la partnership di molte associazioni di categoria, ha lanciato la piattaforma web www.lumbriachevogliamo.it, attraverso cui accedere alla compilazione di un questionario, aperto a tutta la società civile e non solo agli imprenditori agricoli, circa la prossima programmazione settennale dei Fondi Strutturali Europei. Abbiamo chiesto ai cittadini la loro opinione sulle priorità di distribuzione e d'impiego di queste risorse finanziarie, per uscire dalla crisi economica e sviluppare un nuovo modello di economia circolare che porti vera crescita e sostenibilità. Sabato 16 verranno presentati i primi risultati.

Saranno presenti il Dr Gianni Bottalico, portavoce Enti Territoriali Asvis, il Prof. Angelo Frascarelli, docente di Economia e Politica Agraria all'Università di Perugia, il Presidente Cia Umbria Matteo Bartolini, e alcuni referenti dei partner aderenti al progetto che porteranno esempi di buone pratiche e progetti sostenibili in fase di realizzazione in Umbria, tra cui Confartigianato Umbria e Ass. nazionale Konsumer, con la presenza del Presidente Fabrizio Premuti.

 

In allegato: programma dell'incontro

 

Per approfondimenti e interviste:

Emanuela De Pinto

Ufficio Stampa Cia Umbria

Cell. 340.9200423

Un piano nazionale per trasformare i trattori a doppia alimentazione e incentivi nel prossimo piano startegico nazionale per acquisto nuovi mezzi

Perugia – L'eliminazione di sgravi fiscali e l'aumento delle accise per l'acquisto del carburante agricolo, ipotizzate nella bozza del Decreto Legge sul clima, non sono la soluzione per raggiungere l'obiettivo della sostenibilità ambientale, tanto meno economica. Pur condividendo la preoccupazione relativa ai cambiamenti climatici in atto, e pienamente fiduciosi di una marcia indietro sul provvedimento specifico, noi di Cia Umbria vogliamo andare oltre la protesta e lanciare invece una proposta al neo Ministro all'Ambiente, Sergio Costa, raccogliendo la sfida sul futuro del nostro Paese.

La proposta di Cia Umbria al Ministro Costa
"Anziché aumentare il costo del carburante agricolo per disincentivarne l'acquisto, tra l'altro già oggi più alto rispetto ai nostri competitor europei, occorre fare una valutazione del parco mezzi agricoli ad oggi sul territorio – sottolinea il Presidente Cia Umbria Matteo Bartolini - . I nostri trattori, non solo in Umbria, sono spesso mezzi ormai datati, acquistati nella maggior parte dei casi oltre 20 anni fa. Questo vuol dire macchine agricole a rischio sicurezza e altamente inquinanti. L'urgenza, a ben vedere, è quella di operare una graduale ma radicale trasformazione dei mezzi stessi, incentivando da un lato la trasformazione dei trattori meno datati verso una doppia alimentazione, gasolio e bio-metano; dall'altro inserendo nel prossimo Piano Strategico Nazionale misure funzionali all'acquisto di macchine agricole più moderne, altamente tecnologiche e con un sistema di alimentazione a bassa emissione di CO2, come già da circa dieci anni avviene in alcuni Paesi europei".
Le ricadute positive sul clima e sull'economia
"Sarebbe sensato, inoltre, - prosegue Bartolini - pensare ai nostri imprenditori agricoli come produttori di carburante. Sappiamo che il bio metano è una fonte di energia rinnovabile che si ottiene da biomasse agricole quali sottoprodotti e scarti agricoli, così come dalle deiezioni animali, dagli scarti delle filiere agroindustriali e dai rifiuti organici. Lo sviluppo di una rete di bio metano, anche in Umbria, non solo darebbe una risposta agli obiettivi previsti nel Decreto Clima al fine della riduzione delle emissioni di CO2, ma avrebbe anche ricadute positive sul comparto agro-alimentare. Si arriverebbe così a un vero modello di sostenibilità, non solo ambientale ma anche economica, che si fonda sull'utilizzo circolare delle risorse".
Le ricadute negative con l'aumento del costo di gasolio agricolo
"Il taglio degli incentivi paventato nel Decreto Clima al vaglio del nuovo Governo - conclude il presidente CIA Umbria Bartolini - comporterebbe per i nostri produttori un aumento del 50% del costo di produzione, che si tradurrebbe in un aumento del prezzo del cibo: a pagarne le spese sarebbe alla fine il consumatore. Non solo, aumentando i costo di produzione, le nostre aziende agricole subirebbero ancora di più la concorrenza con le aziende estere che hanno costi di produzione molto più bassi e che, per questo, aggrediscono il mercato italiano con prodotti a prezzi stracciati. Nella peggiore delle ipotesi, infine, un aumento del costo del gasolio agricolo significherebbe per molte piccole aziende la chiusura della propria attività, non più redditizia, con la conseguenza allarmante di una mancata sovranità alimentare, cioè quel diritto che ogni comunità ha di produrre cibo sano e culturalmente appropriato, in modo da essere autosufficiente".

Il 16, 17 e 18 settembre si è tenuto a Cracovia in Polonia il meeting conclusivo del progetto Erasmus+ Partenariati Strategici CARE-T-FARMS, con la partecipazione di Cia Umbria Servizi all'Impresa, che nel corso della conferenza del 17 ha presentato ad un pubblico di operatori delle fattorie sociali e di esperti i risultati del progetto. L'evento nazionale di diffusione dei risultati si terrà a Perugia il 10 ottobre prossimo nell'Aula Magna del Dipartimento DSA3 dell'Università di Perugia a Borgo XX Giugno.

Questo sito fa uso di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione e per fornire funzionalità aggiuntive. Si tratta di dati del tutto anonimi, utili a scopo tecnico o statistico, e nessuno di questi dati verrà utilizzato per identificarti o per contattarti. Questo sito potrebbe fare uso di cookies di terze parti. Maggiori dettagli sono presenti sulla privacy policy. Questo sito potrebbe fare uso di cookies di profilazione. Maggiori dettagli sono presenti sulla privacy policy. Cliccando il bottone Ho capito, confermi il tuo consenso a questo sito di salvare alcuni piccoli blocchi di dati sul tuo computer. Per saperne di più su cookies e localStorage, visita il sito Garante per la protezione dei dati personali
Maggiori informazioni Ho capito