Agriturismi, birrifici e vivai con fatturati crollati. In Cia Umbria formazione a distanza per 2000 imprenditori

Bartolini: "Che sia un 2021 di nuova coesione sociale. La sfida è spendere bene le risorse aggiuntive destinate all'Italia di 1,7 miliardi per il prossimo biennio"

Perugia - Nell'anno nero del Coronavirus Cia-Agricoltori Italiani dell'Umbria tira le somme e mette in luce criticità e punti di forza. Le nostre aziende agricole, nonostante mille difficoltà, sono andate avanti nella produzione del cibo di qualità, investendo con coraggio e passione in progetti e nuove attività. Non possiamo dimenticare gli imprenditori che hanno sofferto la crisi economica in modo massiccio.


Gli agriturismi, in particolare, vivono in questo Natale una finta apertura, visto il blocco degli spostamenti tra regioni e perfino tra i Comuni. Un Natale con segno zero, dopo una Pasqua inesistente in termini di prenotazioni e un'estate che ha significato la sopravvivenza per molte aziende. Ancòra di salvezza, in queste feste natalizie, per quelle strutture che hanno al loro interno il ristorante e possono cucinare per l'asporto, che comunque non decolla. Ci sono poi settori di cui si è parlato molto poco ma che rappresentano in Umbria una fetta importante del comparto beverage: i birrifici artigianali umbri. Tra le chiusure di ristoranti, pub e bar durante tutte le festività di Natale e il blocco di fiere, eventi, sagre con le attività legate allo street food, la birra artigianale e agricola è entrata in una crisi nera, soffrendo un crollo del fatturato del 90%. Così quella che era una filiera dalle grandi potenzialità di sviluppo, ora corre in pericolo di non sopravvivere al Covid senza sostegni adeguati. Un altro settore di cui si è parlato troppo poco è il florovivaismo. In particolare, nella prima fase della pandemia, con i vivai chiusi e lo stop immediato alle cerimonie, il florovivaismo ha subito perdite eccezionali, tra serre colme di piante invendute, steli non raccolti e migliaia di fiori al macero. Una situazione per cui Cia stima un crollo del 60% del valore produttivo del comparto a fine anno: vale a dire, mediamente, 1,2 miliardi di euro (dato nazionale).


Nonostante il complicato scenario economico generale, Cia Umbria, nella sua gestione organizzativa, non è mai rimasta ferma. In questo annus horribilis abbiamo attivato corsi di formazione a distanza per circa 2.000 imprenditori agricoli che necessitavano di titoli formativi e aggiornamento per proseguire la loro attività nel pieno delle regole. E non sono mancati le storie aziendali che sono un esempio di coraggio e caparbietà per il 2021 che ci attende. Ne citiamo alcune. La Società Agricola F.A.S.A. Farm ss, Fattoria didattica di Passignano, che ha attivato un progetto di centro estivo dal titolo "Storie di fattoria – L'amico vicino" per bambini da 3 agli 11 anni con lo scopo di colmare quella distanza sociale e abbattere il muro di diffidenza che si è creato nei confronti dell'"altro" durante il lockdown. I lavoratori del paese (medico, parrucchiera, sindaco, infermiera, giornalista, operaio agricolo, regista, professore universitario, direttore di banca e altri) hanno incontrato i bambini realizzando interviste che sono ora racchiuse in un libro, adesso in stampa. La Fattoria del Lungotevere di Marsciano ha, invece, inaugurato una macelleria aziendale il 7 dicembre scorso, con punto vendita, nonostante il clima di forte incertezza. E ancora, la Cooperativa sociale Edit che la scorsa estate ha portato avanti il progetto "Le pecore gialle", aprendo un agriturismo innovativo dove a servire in sala sono state persone con disabilità cognitive. Una sfida vinta, nonostante le maggiori difficoltà affrontate nella formazione del personale sulle normative sanitarie anticovid. In ultimo, la Fattoria Nonna Maria a Umbertide, che in pieno lockdown, a marzo, ha inaugurato un laboratorio aziendale con vendita diretta di carni, formaggi, confetture e sughi pronti. Storie di orgoglio per la famiglia Cia Umbria a cui va tutto il nostro sostegno.


"Arrivati alla fine di un anno che ha stravolto l'economia a livello mondiale, - dice il presidente Cia Umbria Matteo Bartolini - dobbiamo ripartire da un nuovo paradigma. La strada ci è stata indicata dal Green New Deal della Commissione Europea. Come Cia, chiediamo adesso che l'Italia prepari quanto prima un piano per dire con chiarezza come vuole impiegare le risorse aggiuntive destinate all'Italia di 1,7 miliardi per il prossimo biennio, considerando anche le criticità del mondo agricolo a cui abbiamo sempre dato voce. I casi di queste aziende Cia Umbria sono l'esempio da cui ripartire. Anziché farsi travolgere dal distanziamento sociale e dalla crisi economica che ne è derivata, hanno preferito adottare un approccio nuovo, più vicino al territorio e alla comunità, ricreando le basi tra l'uomo e l'ambiente. Ed è proprio questa la chiave, ognuno nel ruolo di consumatore e produttore, per trasformare il mondo in un posto più sostenibile non solo a livello ambientale. I nostri auguri per un 2021 di vero rilancio, uno sguardo diverso e rivolto alla coesione sociale. Abbiamo bisogno di ripartire, senza lasciare indietro nessuno".

Nota: Per interviste alle aziende citate o ad un birrificio artigianale umbro Cia, rimango disponibile. Grazie per la collaborazione .

Emanuela De Pinto
Ufficio Stampa Cia Umbria
Tel. 340.9200423
Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

BARTOLINI: "MANTENUTI TUTTI I POSTI DI LAVORO IN TEMPO DI PANDEMIA. È IL TABACCO MIGLIORE AL MONDO. ORA SERVE SOSTEGNO E MENO DISCRIMINAZIONE"
DOMANI IL CONVEGNO CIA, CONFAGRICOLTRUA E UNITAB: "FILIERA DEL TABACCO, QUALE FUTURO?"

Perugia – Permettere agli imprenditori del tabacco di fare scelte e investimenti sul lungo periodo, senza più navigare nelle acque cupe dei contratti annuali. Ridare valore e prospettive al comparto tabacchicolo (Umbria al 1° posto per produzione in Italia), assicurando contratti pluriennali con le grandi manifatture del tabacco, Japan e British Tabacco in particolare, sostenendo un settore che ha saputo affrontare la dura prova della pandemia globale mantenendo i posti di lavoro.


È l'appello di Cia Umbria alla vigilia dell'incontro "La filiera del tabacco, quale futuro?", in programma domani 9 dicembre alle ore 16.00 (Modalità Webinar su piattaforma Zoom) ideato da Cia-Agricoltori Italiani, Confagricoltura e Unitab, Unione Associazioni dei produttori e trasformatori di tabacco dell'Eu, alla presenza della Ministra alle Politiche Agricole Teresa Bellanova.


"Il tabacco – ha sottolineato Matteo Bartolini, presidente Cia Umbria – sta offrendo oggi una sicurezza economica per molte famiglie in Umbria. La produzione del tabacco rappresenta per l'Alta Valle del Tevere una realtà agricola e industriale fondamentale, confermando l'Umbria al primo posto per la produzione di tabacco in Italia: siamo un fiore all'occhiello in quanto a specializzazione e know how. Ma per continuare a reggere ai duri colpi che la pandemia globale ha inflitto a tutti i settori economici, e per essere sempre più sostenibili dal punto di vista ambientale ed economico, i coltivatori hanno bisogno di contratti pluriennali".


I contratti pluriennali danno, secondo Cia Umbria, la possibilità di continuare ad investire sulla produzione italiana. "Il Governo – dichiara Bartolini – dovrebbe sostenere la produzione di tabacco italiano che, a differenza del tabacco prodotto in paesi Extra Ue, è coltivato seguendo rigide norme nell'uso di concimi e diserbanti chimici e che, pertanto, è senza dubbio il migliore dal punto di vista della salute pubblica e il più sostenibile al mondo, anche sotto il profilo ambientale. Se si prestasse più attenzione a questi aspetti, oggi più che mai prioritari, lo stesso Governo italiano ne gioverebbe in tema di tutela di salute pubblica. Invece, dobbiamo ancora constatare che le sigarette acquistate dalla maggioranza dei fumatori italiani non è made in Italy". Se questo accade, per Cia Umbria c'è anche un evidente problema di governance della filiera italiana stessa, che deve a questo punto essere rivista secondo nuove strategie e obiettivi.


Anche Libero Valenti, presidente Opta, la più grande organizzazione di produttori di tabacco, si unisce a Cia Umbria. "Le aziende - dice Valenti - in questo momento sono in grave difficoltà perché non vedono un futuro chiaro. Noi produttori da anni ci siamo impegnati in un modello di sostenibilità sociale, culturale e ambientale: produciamo un tabacco pulito, non alterato, seguendo tutte le norme sanitarie, sottoponendoci a molti controlli, nel pieno rispetto dei diritti dei lavoratori con contratti che prevedono remunerazioni adeguate per ogni giornata di lavoro. Ma a fronte di tutto questo, ci viene negato il futuro. Serve un cambiamento nella programmabilità del settore. Non è ammissibile che le multinazionali non ci diano garanzie di continuità, dimenticando che le aziende produttrici sono il fulcro dell'intera filiera: noi rivendichiamo dignità".


Infine, la questione delle agevolazioni fiscali sul tabacco riscaldato, rispetto alle normali sigarette. "Ci ha convinto poco – conclude Bartolini - la legge di bilancio che ancora una volta ha picchiato duro sui prodotti da fumo tradizionali tassati oramai all'inverosimile, mentre resta una forbice troppo forte con la più bassa tassazione di prodotti da fumo non tradizionali. Un giusto riequilibrio fiscale tra i diversi usi del tabacco avrebbe fatto bene all'intero settore e non avrebbe alimentato uno sterile dibattito su quale prodotto faccia più o meno male, considerato che ancora non ci sono sufficienti studi scientifici che confermano l'una o l'altra verità".

Per interviste e approfondimenti:
Emanuela De Pinto
Ufficio Stampa Cia Umbria
Tel. 340.9200423
Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ripartono le Osterie del gusto con il "circuito Gustum": per i ristoratori la possibilità di acquistare prodotti 100% umbri grazie al fondo salva made in Italy, a fondo perduto

Perugia – Usufruire del bando "Fondo salva made in Italy" per rilanciare ristoranti, agriturismi e produttori agricoli dell'Umbria, dopo la pandemia Covid. Il fondo garantisce ai titolari del canale horeca la possibilità di avere un rimborso per gli acquisti dei prodotti 100% made in Italy, grazie a una dotazione di 600 milioni di euro con cui le imprese possono richiedere un contributo a fondo perduto da 1.000 a 10.000 euro.


Cia Agricoltori Italiani Umbria, Confcommercio Umbria e i Gal del territorio regionali alleati strategici intorno alla opportunità che offre il bando nazionale ai ristoratori, grazie al rinnovo del progetto Osterie del Gusto, e alla la creazione di un circuito composto da ristoranti ed agriturismi, denominato Gustum, che ha come obiettivo la valorizzazione del settore della ristorazione e della produzione agroalimentare del territorio umbro.


L'emergenza sanitaria ha costretto molti ristoratori ad incrociare le braccia e, di conseguenza, ha paralizzato in buona parte anche le vendite dei tanti produttori che avevano nel canale Horeca uno dei principali sbocchi. Il progetto, che sfrutta le enormi potenzialità del bando per i prodotti made in Italy, è realizzato in cooperazione tra le due associazioni di categoria e finanziato dal GAL Alta Umbria (capofila), GAL Media Valle del Tevere, GAL Trasimeno-Orvietano e GAL Valle Umbra Sibillini, in collaborazione con il Cesar (Centro per lo Sviluppo Agricolo e Rurale), con il quale è già stato definito il logo del circuito e predisposto il disciplinare a cui dovranno aderire tutte le imprese interessate a farne parte.


Nel disciplinare sono state individuate le caratteristiche degli operatori che aderiranno al circuito Gustum: requisiti del locale, particolarità dell'offerta gastronomica e efficienza del servizio. L'obiettivo è quello di garantire al cliente degli esercizi aderenti un'esperienza irripetibile fatta di un'offerta di qualità e in linea con la tradizione gastronomica e la produzione agroalimentare del territorio.


Il cliente dovrà percepire chiaramente 'di trovarsi in Umbria', consapevole di vivere un'esperienza gastronomica con delle peculiarità ben definite e non ripetibile in altre regioni.


"In uno scenario così confuso e perfino drammatico per i 5 mila pubblici esercizi umbri – commenta Giorgio Mencaroni, presidente di Confcommercio Umbria – abbiamo avvertito l'esigenza di lavorare oggi per costruire le basi di un rilancio che speriamo quanto più vicino possibile. Per questo abbiamo fortemente voluto un progetto che offrirà alle imprese umbre, una volta superato questo drammatico momento, uno strumento concreto in più per progettare il futuro che vorranno".


"La possibilità di instaurare rapporti tra gli agricoltori e il mondo della ristorazione - sottolinea il presidente Cia Umbria Matteo Bartolini - ha un duplice vantaggio: da un lato rappresenta una nuova opportunità commerciale dopo una fase di depressione dei consumi dovuta alla pandemia, dall'altro la ristorazione ha il compito di valorizzare la qualità e i tratti distintivi e unici della materia prima e dei piatti locali e, pertanto, gioca un ruolo fondamentale di ambasciatore del cibo made in Umbria. Assaggiando un piatto tipico in un ristorante, quel cliente tornerà ad acquistare le materie prima direttamente dal produttore, incentivando anche la filiera corta".


"I Gal umbri - dichiara la presidente Gal Alta Umbria Giuliana Falaschi - hanno un ruolo determinante nel progetto Osterie del Gusto. Come Gruppi di Azione Locale dobbiamo, infatti, puntare su progetti di sviluppo innovativi e di qualità. Promuovere e valorizzare l'offerta gastronomica dei nostri territori su scala nazionale è assolutamente prioritario, e sono certa che l'intervento si rivelerà importantissimo per la ripartenza del comparto della ristorazione locale".


La finalità turistica del progetto è evidente e, proprio per questo, la parte finale dell'intervento, che si svilupperà nelle annualità 2021 e 2022, prevede l'attivazione di una campagna promozionale del circuito Gustum su scala nazionale. La campagna si articolerà su diversi livelli (social, media, riviste di settore, eventi, ecc) ma al centro ci sarà sempre l'aspetto legato all'emozione e all'unicità che i diversi territori umbri sanno regalare a tutti i visitatori, in particolare quelli più esigenti sotto l'aspetto gastronomico.


È, inoltre, prevista una fase di concertazione tra il settore della ristorazione e le imprese agricole (attraverso lo strumento degli incontri B2B) per favorire l'incontro tra domanda di prodotto e offerta del territorio. Anche la Regione ha sposato immediatamente il progetto, sottolineandone la validità sotto l'aspetto dell'aggregazione delle imprese del comparto ristorativo, tradizionale e rurale, e dal punto di vista della creazione di un brand Umbria anche nell'ambito prettamente gastronomico. Nei prossimi mesi è prevista la pubblicazione di un avviso pubblico per individuare e selezionare i ristoranti e gli agriturismi che intenderanno partecipare al progetto ed entrare nel circuito.

 

Per interviste e approfondimenti:
Emanuela De Pinto
Ufficio Stampa Cia Umbria
Tel. 340.9200423
Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pagina 1 di 96
Questo sito fa uso di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione e per fornire funzionalità aggiuntive. Si tratta di dati del tutto anonimi, utili a scopo tecnico o statistico, e nessuno di questi dati verrà utilizzato per identificarti o per contattarti. Questo sito potrebbe fare uso di cookies di terze parti. Maggiori dettagli sono presenti sulla privacy policy. Questo sito potrebbe fare uso di cookies di profilazione. Maggiori dettagli sono presenti sulla privacy policy. Cliccando il bottone Ho capito, confermi il tuo consenso a questo sito di salvare alcuni piccoli blocchi di dati sul tuo computer. Per saperne di più su cookies e localStorage, visita il sito Garante per la protezione dei dati personali
Maggiori informazioni Ho capito